parole e significati …

parole e significati
C’è gonzo e gonzo. E ancora gonzo.
Ok, partiamo da lontano.
Se uno cerca la parola “gonzo” su un dizionario trova: credulone, facilmente ingannabile. E si accontenta. Poi non è che sia usatissimo come vocabolo. E spesso gli si preferiscono dei sinonimi più o meno riferibili, da stolto a pirla e via così. 

Anni fa, in una vita precedente, in un pomeriggio di marzo mi trovavo in una tipografia della bassa per gli esecutivi di una copertina di vhs. Con me due bizzarri personaggi visti solo quel dì e poi scomparsi dalla mia vita.
Lei si chiamava Olga qualcosa. E insistentemente chiedeva – con tutte le bizze tipiche dell’attrice – che il titolo della pellicola fosse graficamente meno invasivo sul suo volto in copertina. Richiesta logica. Anche se, a onor del vero, il suo volto era già parzialmente oscurato da un grosso fallo maschile cui Olga dedicava le proprie attenzioni. Richiesta logica, accolta: titolo spostato.

Era il mio primo lavoro nel mondo del porno. Ok, molto laterale, direte voi, certo.
E comunque l’unico, dato che se non erro poi non pagarono e svanirono.

L’altro personaggio era molte cose. Regista, sceneggiatore, produttore, autista, agente e “accompagnatore” di Olga. Ma soprattutto, così mi disse lui – basendomi di muto stupore – “primo storico regista gonzo italiano”. Era un tipo tarchiato, spelacchiato. Una specie di Ron Jeremy dei poveri.
Parentesi:
 i più colti di voi ricorderanno Ron impersonare Diego Maradona in una pellicola italiana del 1990. Più recentemente lo si è visto in un documentario – dicevano assai divertente – che non so se sia uscito da noi. Chiusa.
Insomma questo signore, di fronte al mio basimento mi spiegò il significato del gonzo-film: che è quella pellicola in cui l’operatore interviene attivamente sulla scena. Senza smettere di filmare insomma “partecipa” alla trama. 

H. ThompsonTutto questo per dire che tra ieri e oggi, il suicidio di Hunter Thompson, gran consumatore di acidi nonché soprattutto inventore del gonzo journalism (oltre che autore di 2Paura e disgusto a Las Vegas"), riaccende i miei fari proprio sul temine gonzo.
Allora, gonzo journalism:
visionaria forma narrativa tra cronaca e finzione. L’esperienza diretta dell’autore entra come parte integrante nell’articolo, nella storia.
Da qui, facile la derivazione nel porno.
Ma prima? Perché la parola (italiana?) gonzo varca l’oceano e significa tutt’altro? Ha forse tutt’altra origine in quell’accezione? C’è qualche curiosone che mi toglie ‘sta pulce?

Per inciso: non ho visto nessuno dei film di cui si parla in questo post. Di entrambi solo le copertine in VHS.
Entrambe comunque, assai ben impaginate.

UPDATE 1: molto interessante l’Elogio funebre di Hunter Thompson, scritto da Giuseppe Genna.


UPDATE 2
: riposto qui le due risposte pervenute nei commenti (grazie Eburnea e Filter di fantasticiquattro):
gonzo
1971, Amer.Eng., in Hunter S. Thompson’s phrase gonzo journalism, from It. gonzo "simpleton, blockhead." Thompson in 1972 said he got it from editor Bill Cardosa, and explained it as "some Boston word for weird, bizarre." Tratto da qui.
gonzo
/gon’zoh/ adj. [from Hunter S. Thompson] 1. With total commitment, total concentration, and a mad sort of panache. (Thompson’s original sense.) 2. More loosely: Overwhelming; outrageous; over the top; very large, esp. used of collections of source code, source files, or individual functions. Has some of the connotations of moby and hairy, but without the implication of obscurity or complexity.

11 Comments on “parole e significati …

  1. che bello il tuo post, mi è piaciuto un sacco!

    cassie

  2. Capito qui di passaggio. Per caso, mi ero posto lo stesso problema, ed ecco cosa avevo trovato (su un glossario di Babylon).

    gonzo

    /gon’zoh/ adj. [from Hunter S. Thompson] 1. With total commitment, total concentration, and a mad sort of panache. (Thompson’s original sense.) 2. More loosely: Overwhelming; outrageous; over the top; very large, esp. used of collections of source code, source files, or individual functions. Has some of the connotations of moby and hairy, but without the implication of obscurity or complexity.

    Filter

  3. Grazie mille Angelina. Updato (?) in pubblico la risposta tua e quella di Eburnea.

  4. Pingback: ohh.nu

  5. Pingback: inactive-status radar

  6. Pingback: mincir

  7. Pingback: brudekjoler

  8. Pingback: Hay Day Hack,Hay Day Hack No Survey,Hay Day Hack 2014

  9. Pingback: http://wiki.900914.com/index.php?MothersDayBrunchInChicago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.