filastrofando …

filastrofando
Una sciocca gnocca barocca
ruppe un dì una brocca
del color dell’albicocca.
E ne uscì una filastrocca.

Ora, siccome io non c’ho tempo da perdere, il tempo è denaro, il tempo libero è sempre meno ecc., ho deciso che dedicherò una piccola quota del tempo che non ho a un’attività decisamente ludica. Ma come sempre in questi casi, serissima e impegnativa: la creazione di una filastrocca.
E non avendo mai scritto una filastrocca mi sono piccato di scovarne le regole. Che a quanto vedo, almeno online, non esistono.

Esistono i dizionari, che dicono:
1. composizione cadenzata con versi brevi, rimati o in assonanza, solitamente priva di senso compiuto, recitata o cantata spec. per divertire o far addormentare i bambini
2. serie noiosa e lunga di parole, discorso interminabile:
mi ha fatto una f. di lamentele

Esistono i sinonimi, che sono:
poesiola, tiritera, chiacchierata, filatessa (ant. e poet.), nenia, scioglilingua, canzonetta, cantilena, litania, solfa, lungaggine, manfrina, sproloquio.

E poi esiste questo posto qui, solo che è un pochino vasto da esplorare: leggere 10mila filastrocche per cavarne le regole?
E poi questo qui. Che però contiene spunti e link meritevoli di un post intero.

Il titolo di questo post (sai quando stai 10 minuti a pensare al titolo? Ecco, appunto) è solo una rimata volante con rimario online.

A proposito, scusa: la prima filastrocca che ti viene in mente? Me la reciti o solo accenni nei commenti? Grazie.

9 Comments on “filastrofando …

  1. A me piaciono molto le filastorcche dei dischi giamaicani dei primi anni ’70: Big Youth, U Roy, Dennis Alcapone e compagnia bella.

  2. Ambarabà cicì cocò, tre civette sul comò…

    LaMir

  3. sono stanca dei commenti

    sembran sempre troppo lenti

    a pensare ai miei tormenti

    ti son caduti tutti i denti

  4. prova con Gianni Rodari…se non conosci “Grammatica della fantasia” te lo consiglio, la creatura ne beneficerà.

    titti

  5. Scarpette scarpettine

    scarpettine ricamate

    ricamate di seta verde

    per andare a pestare le merde …

    Può andare ? No, eh ? Mi veniva in mente questa .. Ah, ecco, proviamo con:

    La cavalla

    nella stalla

    al mattino quando albeggia

    scorr…azza

  6. Scarpette scarpettine

    scarpettine ricamate

    ricamate di seta verde

    per andare a pestare le merde

    Questa filastrocca era compresa nel libro rosso dell’universitario che circolava a Pisa nel 1960. C’è nssuno che lo ha ancora? E’ introvabile:

  7. credo che la filastrocca di riccardo derivi da una canzone popolare ticinese intitolata “Le scarpette”, ma se parli di Pisa ha fatto proprio un bel giro.
    Giro giretto c’era un gatto sul tetto
    sul tetto colorato di rosso verniciato
    vernìciato di giallo di giallo verde blu
    ora il gatto sul tetto non c’è più.
    Credo mi sia venuta bene.
    Un saluto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.