“Terra in bocca”: tutta la città ne parla

carissimi,
non troverò mai le parole adatte a esprimervi la gratitudine della nostra associazione per il contributo che avete dato alla giornata del 15.
Abbiamo fulminato tutte le copie del libro e hanno partecipato alla presentazione 120 persone, fatto straordinario e inedito anche per le presentazioni organizzate nei più prestigiosi contesti cittadini.
Il concerto è stato strepitoso e, ancora questa mattina, c’è gente che si aggira incredula per il paese (son solo 100 case…) chiedendosi come sia stato possibile assistere a uno
spettacolo di così alto livello.
Io una risposta, tutta mia, penso di averla: quando 14 musicisti col manico (dalle nostre parti si dice così, anche per le signore…) ci mettono anche l’anima è possibbile che un’opera assopita da 40 anni si risvegli con tale fragore da scaldare il sangue nelle vene di questa terra anemica e distratta.
Oggi è solo lunedì e sui giornali si legge di un attentato di mafia ai danni dell’automobile di un imprenditore edile nel reggiano: dobbiamo aspettare che la violenza arrivi al culmine di sabato, come in terra in bocca, o è il caso che i nostri amministratori si sveglino prima?
La musica, come sempre, è un passo avanti.

grazie a tutti
nick

– Questa la lettera di Nicola, dopo il concerto di Bentivoglio del mese scorso.
La uso – insieme alle foto del Fraschini – per aprire questo breve aggiornamento su “Terra in bocca”, un progetto di cui – da quando abbiamo iniziato a lavorarci – ho scritto spesso. E d’altra parte a che diavolo serve questo blog (che oggi tra l’altro compie 7 anni) se non a condividere le cose che mi appassionano. E qui, ci siamo appassionati tutti. Se mi avessero detto che mi sarei ritrovato con 13 amici musicisti sul palco, a suonare per la prima volta in assoluto un misterioso concept album del prog italiano datato ’72, con Bandini, Tempera e Tavolazzi e i Giganti, ecco, come potete immaginare io non ci avrei creduto.
– Un’altra lettera-recensione è apparsa su La Provincia Pavese. Grazie a Carlo Botteri (Hot Mama) che l’ha scritta e a Marco Denti che l’ha poi pubblicata anche su Buscadero. Per leggerla sulla Provincia, vi conviene fare un “cerca” con la parola “Giganti” in questa pagina qui, perché l’archivio delle lettere sul sito sta messo molto peggio della mia scrivania.
– Dopodomani, mercoledì 23 giugno ci sarà – alla FNAC di Milano alle 18.00 – una nuova presentazione del libro di Odoardo Semellini e Brunetto Salvarani che ha acceso la scintilla contagiosa di questo progetto. Volevamo esserci per un set acustico ma non sarà possibile. Io ci sarò comunque. Ci vediamo lì?
– Sulle prossime date c’è solo una certezza, ma così gradita e importante che ve la potete segnare fin da ora: 28 novembre a Faenza, al MEI.
– Intanto il progetto didattico sull’educazione alla legalità (di cui “Terra in bocca” fa parte) è approdato sul sito del Ministero degli Inteni.
– E – last but not least – il sottoscritto ha aggiornato la pagina di Wikipedia.
– E grazie per l’attenzione al Tg3.

One Comment on ““Terra in bocca”: tutta la città ne parla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.