“Cinema e Teatro Insieme” – La risposta del Comune

Nelle puntate precedenti: non avendo più notizia di una rassegna di spettacoli per bambini promossa dal Comune di Pavia, sollevo la questione con una lettera, che pubblico su questo blog, invitando a sottoscriverla e spedirla.

Nel giro di un paio di giorni, dal Comune mi risponde il dott. Ettore Filippi. Ecco quanto gli ho scritto:

Gentile dott. Filippi,
la ringrazio per la risposta, le scrivo con qualche giorno di ritardo e di questo mi scuso.
Prendo atto della sua lunga e dettagliata email, che le chiedo il permesso di “tradurre” e di sintetizzare nel modo che segue prima di pubblicarla sul blog. In buona sostanza lei mi dice che:

  • La rassegna “Cinema e Teatro Insieme” è finanziatada un contributo straordinario della Fondaziona Banca del Monte.
  • Che questo contributo è stato confermato ed è in via di acquisizione.
  • Che dunque la rassegna non è stata cancellata e ripartirà. (E io qui le rispondo: perdinci, ottima notizia, e quando?)
  • Che le spiace “si sia creato un allarme ingiustificato e che tale allarme possa finire sui media”.
  • Che tutte le persone che si occupano della rassegna, da chi fornisce le strutture a chi sacrifica i propri sabati, vanno ringraziate.
  • Che, tra crisi economica, abolizione dell’ICI e nuove esigenze di bilancio imposte dalla politica nazionale, il Comune di Pavia, e con lui immagino tutti i comuni italiani, dovranno fare acrobazie per mantenere elevata la qualità e la quantità dell’offerta formativa.


Per parte mia, le rispondo che ho semplicemente gettato un sassolino, invitando le persone interessate a farsi vive, chiedendo lumi sull’assenza della rassegna. Il fatto che molte persone abbiano scelto di informarsi o di sottoscrivere una lettera redatta con toni pacati mi sembra qualcosa di molto diverso da un allarme ingiustificato.
E come vede, non siamo finiti sui media. La Provincia Pavese, evidentemente, si accontenta di leggerci in copia e stop.
Leggo ora il commento sul mio blog in cui lei lamenta la mancata pubblicazione della sua email.
Prima di pubblicarla le avrei risposto con lo stesso mezzo, chiedendole il consenso alla pubblicazione, esattamente come sto facendo ora. Per altro confermo pubblicamente che la sua risposta è stata tempestiva.
E torno a chiederle: a quando la ripresa della rassegna “Cinema e Teatro Insieme”?
Grazie, buon lavoro

————————————–

Il dott. Filippi mi risponde quanto segue. Stavolta non traduco.

Va benissimo. Mi spiace che il sassolino si sia trasformata in una sassaiola sulla mia mail, cui ho fatto fronte, perchè odio non rispondere, per il dovuto rispetto agli interlocutori.

E’ stato molto istruttivo per me,neofita della delega!, verificare quanto sia seguita l’attività dell’assessorato.

In realtà , peraltro, la sua iniziativa è stata importante perchè ha messo in luce che  in molti degli addetti ai lavori ( anche in persone con responsabilità importanti) c’erano molte perplessità sulla  articolazione della iniziativa nelle edizioni precedenti , che in questo momento stiamo rivisitando con tutti gli addetti ai lavori per proporre la nuova edizione con modalità che stiamo analizzando ( non con i tempi biblici della politica.

Cordialmente.
Ettore FIlippi

Nelle prossime puntate.

Sebbene ancora nessuno ci dica quando (ma a primavera o il prossimo autunno?), ora sappiamo che la rassegna ripartirà.
Ci fidiamo, sì? Che dite?
I commenti sono aperti, naturalmente, a qualunque idea e opinione in merito.

Grazie a tutti quelli che hanno (sotto)scritto, linkato, postato.
E anche alla Provincia. Per l’attenzione con cui ci ha letto. Senza mai pubblicare un solo rigo.

8 Comments on ““Cinema e Teatro Insieme” – La risposta del Comune

  1. bravo! zio Burp, non si poteva non parlare di questa mancanza all’inizio dell’autunno.
    Sono felice dell’incalzante scambio di lettere da parte delle istituzioni. Stasera andrò a casa felice raccontando a mia figlia che andremo ancora a vedere bellissimi spettacoli con i suoi amici.

  2. Ottimo !
    sta sicuro che mi appunto la questione e non la scordo, intanto passo parola a chi nel PD cittadino si sta occupando dell’istruzione (e della Legge 133 anche detta L.Gelmini) e la ricorderò al vicesindaco di Pavia Ettore Filippi, nonchè Assessore al Bilancio, oltre che Assessore all’Istruzione (delega che ha ricevuto poco più di un mese fa) e mio collega di partito.
    Se lo vedo stasera all’assemblea cittadina del PD gliene parlo, giusto x capire se sanno già il periodo indicativo e poi ti fo sapere.

  3. I giri di parole per non dire niente, le parentesi e le virgole che vagano per l’iperspazio, il mettere se stesso al centro della questione (povera vittima, manco fosse la Gelmini contestata)… se queste sono le nostre autorità locali, AIUTO.

  4. No, non ci fidiamo di uno che per aver ricevuto, nella migliore delle ipotesi, un centinaio di mail parla di sassaiola. Così come non mi fido dell’introdotto “firma”, che della stessa conventicola fa parte (e ci tiene a farcelo sapere, invece di vergognarsi): io la prossima volta non vi rivoto.

  5. Devi capire che è destabilizzante per loro sentirsi chiedere – pubblicamente- cose concrete.

    E perché firma non si firma?

    Blah.

  6. Eccomi qua: non mi sono firmata con nome e cognome perchè Zio Burp mi conosce da 25 anni e più.
    Sono Emanuela Marchiafava, trovate miei profili in Facebook e nel gruppo de http://www.imille.org .
    Sono di Pavia, ho inziato a far politica nel 2005 con le primarie dell’Unione e Ivan Scalfarotto ( http://www.ivanscalfarotto.it , mi trovate pure lì)
    Sono stata eletta nel pd con le primarie dell’anno scorso, faccio parte dell’esecutivo del PD della città di Pavia e della Direzione Provinciale di Pavia del PD.

  7. Wow, un’eletta alle primarie del PD; son qui che mi sdilinguisco.

  8. No eh, non vi accapigliate qui dentro eh! 🙂 Fatelo al prossimo aperitivo piuttosto no?

    “Un Negroni, due birre, laccio emostatico e bende al tavolo 8”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.